• Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:Narrazione
  • Tempo di lettura:2 minuti di lettura

Venerdì 20 Maggio alle 17.30
presso la Sala Meridiana di Via Balbi 5
dell’Università di Genova.

Locandina GMoro

Giovanni Moro è professore associato di Sociologia politica presso l’Università “La Sapienza” di Roma ed è autore di numerose pubblicazioni in materia di cittadinanza democratica e sue trasformazioni, di partecipazione civica e di politiche pubbliche. Sono questi gli ambiti elettivi delle sue principali attività di ricerca, sia sul piano teorico-scientifico di studioso, sia soprattutto sul piano applicativo di prassi di sperimentazione concreta, nella prospettiva di iniziative volte ad una formazione alla maggiore consapevolezza partecipativa dei cittadini, quale responsabile scientifico (e per anni presidente) della Fondazione Fondaca (Fondazione di Cittadinanza Attiva).

L’incontro con lui offre l’occasione di una riflessione sugli ambiti di declinazione di un’attiva partecipazione dei cittadini alla vita della polis, attraverso le iniziative concrete che animano il “sociale” e il “civico”: a partire da un tempo (prima e tuttora segnato dalla pandemia da Covid e ora anche dagli eventi bellici che affliggono l’est europeo, con effetti di squilibrio e rideterminazione dei rapporti politici ed economici sull’intero pianeta) nel quale il contributo solidale, che associazioni, movimenti spontanei e singoli hanno offerto, è stato talvolta di autentica supplenza rispetto dell’intervento delle Istituzioni.

E occasione ancora di un’adeguata focalizzazione di quale sia l’applicazione, simmetricamente corretta, del “principio di sussidiarietà” e l’istituzione di un più rispettoso e proporzionato rapporto tra l’esercizio di una cittadinanza attiva e la “rappresentanza politica” (in grave crisi di qualità dei rappresentanti e di affezione partecipativa dei rappresentati), in funzione di un coinvolgimento effettivo e responsabile della prima nel momento, se non strettamente decisionale, quanto meno di effettiva e responsabile consultazione.

Condividi