Guai ai poveri

In occasione dell’inaugurazione del Corso “Operare con le persone senza dimora. Un approfondimento sull’emarginazione urbana-grave” e nell’ambito del Progetto di diffusione e sensibilizzazione sui valori del commercio e dell’economia solidale per prevenire e risolvere molte forme di emarginazione e fragilità sociale, il Dipartimento di Scienze della Formazione dell’Università di Genova, la Fondazione San Marcellino e Fair in collaborazione con il Corso di Laurea in Servizio Sociale – Scuola di Scienze Politiche dell’Università di Bologna, organizzano la presentazione del Libro: “Guai ai poveri: la faccia triste dell’America” di Elisabetta Grande.Il programma prevede, alle 17,15 i saluti inaugurali da parte di Nicola Gay S.J., Presidente Fondazione San Marcellino ONLUS, Maurizio Bergamaschi, professore di sociologia dell’Università di Bologna e Direttore scientifico del Corso e di Emilio di Maria, dell’Università di Genova e membro del Comitato di indirizzo del Corso.

Alle 17,45 il giornalista Pietro Barabino intervista l’autrice Elisabetta Grande, Docente di Sistemi giuridici comparati presso l’Università del Piemonte Orientale in dialogo con Andrea Morniroli, del Forum Disuguaglianze Diversità di Roma, che da più di trent’anni si occupa di politiche e azioni di welfare a livello locale con particolare riferimento ai temi delle migrazioni e delle marginalità urbane.

L’incontro si conclude, alle 19,15  con il contributo di Deborah Lucchetti presidente di Fair. Il libro sarà disponibile grazie alla partecipazione della libreria L’Amico Ritrovato e l’evento è realizzato con il contributo della Regione Liguria.

Dimenticati ai confini d’Europa

Il Centro Astalli ha presentato la ricerca  “Dimenticati ai confini d’Europa”, realizzata in collaborazione con il Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati in Europa (JRS Europe) e l’Istituto di formazione politica Pedro Arrupe di Palermo, per raccontare l’esperienza dei migranti forzati che sono riusciti ad arrivare in Europa negli ultimi tre anni.

Un report basato su 117 interviste qualitative realizzate nell’enclave spagnola di Melilla, in Sicilia, a Malta, in Grecia, in Romania, in Croazia e in Serbia per dare voce alle esperienze dei migranti e dei rifugiati, per rendere chiaro il nesso tra quello che hanno vissuto e le politiche europee che i governi hanno adottato.

Ne emerge una vera e propria emergenza dal punto di vista della tutela dei diritti umani alle frontiere esterne ma anche a quelle interne a causa della mancanza di vie legali di accesso e della chiusura delle principali rotte migratorie da parte degli Stati UE.

LEGGI LA RICERCA

Giovani, cultura e istituzioni – V edizione

Il Centro Internazionale di Studi e Documentazione per la Cultura Giovanile organizza la V Edizione di “Giovani, Cultura e Istituzioni”. È una opportunità formativa per giovani Italiani, Europei e provenienti da altri paesi del mondo, che promuove lo sviluppo di abilità professionali, manageriali e organizzative ad alto livello nei settori della
cultura, della comunicazione, dell’impresa, della pubblica amministrazione e della ricerca.
Le tre Giornate di Studio prevedono la presentazione di paper da parte di giovani studiosi selezionati sulla base di questo Call for Papers, commentate criticamente da discussants e, viceversa, alcune Lectures commentate criticamente dai partecipanti.
L’invito a partecipare come speaker è rivolto a studenti del primo o del secondo ciclo di laurea, a studenti dottorali, dottori di ricerca, ricercatori post-dottorato ma anche a giovani professionisti che non abbiano superato i 35 anni di età.
Il tema è proposto secondo uno schema che intreccia materialità e concetti, processi e culture in modo da stimolare massima riflessione critica e transdisciplinarità.
Lo scopo delle giornate di studio è la formulazione di “agende” conoscitive e pratiche, da rielaborare nei propri contesti di impegno e attraverso i propri percorsi di formazione.
Tipo di intervento
–    Paper individuali: ogni relatore (selezionato fra coloro che avranno presentato la candidatura) avrà a disposizione 15/20 minuti di tempo per esporre il proprio contributo.
–    Panel: i candidati potranno proporre panel coordinati su una delle tematiche proposte da gestire autonomamente
Paper e panel possono investire sia gli aspetti teorici e storico-culturali con la consapevolezza che ogni passo mosso dalla teoria è in realtà il frutto di una storia e di una pratica culturale), sia esemplificare risultati importanti nelle pratiche e nella ricerca, con un impatto significativo sulle sfide sociali, culturali, economiche.
–    Partecipazione ai dibattiti: è ammessa la presenza anche di partecipanti senza paper, con interventi nel dibattito. In questo caso la partecipazione è aperta anche oltre il limite di età dei 35 anni. Si raccomanda la partecipazione di insegnanti, operatori sociali, mediatori culturali e figure professionali legate alle aree sopra elencate.
Procedura per la candidatura
Un abstract del paper proposto deve essere inviato entro il 12 novembre 2018 (max. 500 parole, 1000 se includono bibliografia). Va specificato se nel corso della relazione saranno necessari supporti multimediali (videoproiettore per
presentazioni in Power Point, collegamento Internet…).
Le candidature devono pervenire via e-mail a centrostudicultgiov@gmail.com.
Una commissione procederà alla selezione. Nell’abstract devono essere indicati, oltre al titolo dell’intervento, il nome e cognome del candidato e l’eventuale ente di appartenenza. Va allegato un breve curriculum vitae (formazione, specializzazione e interessi: max 300 parole).
Viene rilasciato un attestato a fronte di una partecipazione a tutte le sessioni (salvo eventuali piccole deroghe da giustificare) e del rispetto delle regole di puntualità.
Selection 20 candidates will be selected. Notice of acceptance or rejection will
be sent promptly after the deadline for submission of applications to the
e-mail
address indicated by the candidate. The text of the paper must be sent by
November 22, 2018.
Iscrizione al corso, Facilities
Ai partecipanti è richiesta una quota di iscrizione di
– 50 euro che comprende l’ammissione al Centro in qualità di soci ordinari fino a tutto il 31.12.2019
– 200 euro con vitto (pranzi) e alloggio in camera doppia
Previsto l’alloggio per le notti del 30 novembre e del 1° dicembre (dove necessario per consentire la partecipazione sin dalla prima sessione alle 14 anche del 29)
–    Non vengono rimborsate le spese di viaggio.
Gli incontri avranno inizio alle ore 14 del 30 novembre e termineranno alle ore 13 del 2 dicembre.
INFO: Prof. Gabriella Valera    centrostudicultgiov@gmail.com    Tel. +39 331 4604536

Premio “Vittorio Bachelet” per Tesi di Laurea

La Fondazione Istituto dell’Azione Cattolica Italiana per lo studio dei problemi sociali e politici “Vittorio Bachelet” bandisce un Premio “Vittorio Bachelet” per Tesi di Laurea sullo sviluppo e la riforma delle istituzioni democratiche, la partecipazione e la cittadinanza attiva.

Possono presentare domanda di partecipazione i laureati in Giurisprudenza, Scienze Politiche, Sociologia, Filosofia, Storia e affini, la cui Tesi abbia attinenza con i temi che sono oggetto dell’attività di ricerca dell’Istituto e cioè: lo sviluppo e la riforma delle istituzioni democratiche, la partecipazione e la cittadinanza attiva, con particolare riguardo all’esperienza italiana dell’età contemporanea, vuoi in ordine all’elaborazione concettuale, vuoi nella lettura della realtà sociale e nel concretarsi di innovazioni istituzionali.

Sono ammesse Tesi discusse nel periodo compreso tra il 1° dicembre 2017 e il 30 novembre 2018.

Tutte le informazioni e i dettagli sul sito ufficiale

SCARICA IL BANDO